Case dell’Arte all’ex assessore di Sarzana, alla madre e ad altri familiari: esposto della Lega

LA PROCURA APRE UN FASCICOLO,PER ORA NESSUN INDAGATO. PUCCIARELLI: IL COMUNE MI HA NEGATO GLI ATTI
La procura punta i fari sulle assegnazioni di alloggi popolari al consigliere regionale del Pd, Juri Michelucci, e famiglia. Il 2 settembre, al quinto piano del palazzo di giustizia di viale Italia, è arrivato un incartamento che pone una serie di interrogativi riguardo una vicenda che, nei mesi scorsi, ha innescato numerose polemiche fuori e dentro i Democratico.
Occorre però tornare indietro, al 2005, per comprendere bene il caso. All’epoca Michelucci è dipendente Confesercenti, da lì a poco avrebbe mosso i primi passi di una carriera politica che,la primavera scorsa, lo ha portato a ottenere uno scranno nell’assemblea di piazza De Ferrari. In quell’anno gli viene assegnata una casa popolare, in via Turì a Sarzana, che ha tenuto fino a poche settimane fa. L’anno dopo è il turno della madre, alla quale vengono consegnate le chiavi di un appartamento situato lungo la stessa via della cittadina della Val di Magra. Ora, il sostituto procuratore Claudia Merlino vuole mettere ordine. Ha aperto un fascicolo che, almeno per ora,non contiene alcun indagato. L’esposto, presentato a palazzo di giustizia, è firmato da Stefania Pucciarelli, consigliere regionale e commissario provinciale Lega Nord. Il politico del Carroccio ha allegato al documento un articolo pubblicato su un sito online, in cui si fa riferimento al fatto che Michelucci, in qualità di assessore del Comune di Sarzana si occupava di welfare, a che addirittura altri suoi familiari, acquisiti, vivono in alloggi popolari. Michelucci si è sempre difeso in modo fermo in merito alla vicenda, spiegando di avere agito nella «legalità». Il consigliere della Lega però afferma di chiedere l’intervento della Procura perché gli sarebbe stato «rifiutato di verificare gli atti che hanno portato all’assegnazione degli immobili di proprietà Arte». Il primo agosto Pucciarelli ha chiesto al Comune di Sarzana copia dei contratti riguardanti Michelucci e la madre. Il 22 agosto l’amministrazione le ha comunicato «il diniego ad avere la copia degli stessi». Le indagini avviate dalla procura sono volte a individuare eventuali irregolarità nelle procedure per l’assegnazione degli alloggi popolari. Il sostituto Merlino ha delegato l’attività investigativa agli ufficiali della polizia municipale. Nelle prossime ore gli inquirenti setacceranno la documentazione di Arte. «Il mio dovere, come consigliere Regionale – scrive Pucciarelli nell’esposto – è verificare che tutto sia avvenuto in piena regolarità, in virtù del fatto che le assegnazioni degli alloggi popolari avvengono di norma a favore di persone con redditi minimi». Dal sito della Regione, Michelucci risulta dal 2003 dipendente Confesercenti attualmente in aspettativa, dal 2010 a maggio2015 assessore nel Comune di Sarzana, da luglio consigliere regionale.
Tratto il’SecoloXIX23-09-15’