Ceriale: Discount cinese altolà della Lega:«Il sindaco fermi l’operazione» Bronda: Fazio saprà difendere i lavoratori italiani di Mobi Store

Ceriale: Discount cinese altolà della Lega:«Il sindaco fermi l’operazione» Bronda: Fazio saprà difendere i lavoratori italiani di Mobi Store
CERIALE. La Lega Nord dice no al discount cinese e chiede un incontro urgente al sindaco Ennio Fazio. La notizia del probabile arrivo di un’attività commerciale con gli occhi a mandorla nel nuovo complesso commerciale che avrebbe dovuto ospitare un Mac Donald’s sta suscitando un vero e proprio vespaio di polemiche. Dopo l’annuncio della probabile chiusura a fine anno del punto vendita cerialese di Mobi Store dovuto non solo alla crisi ma anche e soprattutto al timore di una concorrenza spietata, adesso la vicenda assume anche contorni di carattere politico,e a mettersi di traverso rispetto al probabile sbarco dei cinesi a Ceriale è la Lega Nord, che annuncia che chiederà un incontro al sindaco Ennio Fazio per discutere la questione e soprattutto per chiedergli di impedire l’apertura di un’attività che secondo il Carroccio porterebbe certamente più danni che vantaggi all’economia locale. «Credo che il dovere di un sindaco sia prima di tutto quello di difendere le attività italiane che lavorano, magari da anni e talvolta con grandi difficoltà, sul territorio del proprio Comune – afferma Andrea Bronda, segretario del circolo del comprensorio ingauno- e credo che per quello che conosco il sindaco di Ceriale certamente impedirà ‘apertura dell’ennesimo negozio cinese che significherebbe la morte di tanti esercizi commerciali. Siamo fermamente contrari all’apertura di un negozio cinese e siamo al fianco dei 34 dipendenti di Mobi Store che rischiano il posto di lavoro e di tutte quelle attività commerciali cerialesi che potrebbero trovarsi in grandi difficoltà». Il primo cittadino taglia corto: «Per il momento ho notizia esclusivamente di un interessamento
Tratto da ilsecoloxix 30-09-15