Dipendenti Poste ricevuti in Regione, Alessandro Piana (Lega Nord Liguria): “No assoluto a chiusura degli uffici postali nei territori periferici, riduzione del servizio di recapito e privatizzazione di Poste Italiane”

“Occorre battere il Governo Renzi, ormai allo sbando su tutto, per mantenere questo tipo di presidio nelle vallate e scongiurare la perdita di centinaia di posti di lavoro anche in Liguria”.Una delegazione di rappresentanti dei lavoratori liguri di Poste Italiane stamane è stata ricevuta dai capigruppo in via Fieschi, dove si stava svolgendo il Consiglio regionale. “Abbiamo sospeso momentaneamente l’Assemblea – spiega il capogruppo della Lega Nord Liguria Alessandro Piana – per consentire alla delegazione di lavoratori di esporre i motivi dello sciopero e del corteo, che stamane ha attraversato il centro di Genova”.

“Le loro ragioni non sono solo condivisibili, ma appaiono sacrosante anche perché è assurdo privatizzare Poste Italiane. La Lega dice NO assoluto alla chiusura degli uffici postali nei territori periferici e nelle vallate del nostro entroterra, che senza quel tipo di presidio rischiano di essere sempre più isolate ed abbandonate a loro stesse. Occorre unità per battere il Governo Renzi, ormai allo sbando su tutto, per mantenere gli uffici periferici, evitare la riduzione del servizio di recapito e scongiurare la perdita di centinaia di posti di lavoro anche in Liguria”.

Sanremonews venerdì 04 novembre 2016