Ilva, finito incontro al Mise: Governo conferma validità dell’accordo di programma

La Fiom: “Merito dei lavoratori”, Tursi: “Non avevamo dubbi”. Rixi: “Ma governo non ci mette un euro”. Dopo il 10 febbraio via a tavolo nazionale

Roma. Per bocca del viceministro Teresa Bellanova il governo ha confermato la validità dell’accordo di programma per Genova anche per chi comprerà. In secondo luogo il vice ministro si è impegnato a sbloccare i soldi per i lavori di pubblica utilità che saranno anticipati da società per Cornigliano.

“La conferma dell’accordo di programma è certamente una notizia positiva – commenta l’assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi – perché quell’accordo esiste e i compratori ci dovranno fare i conti. Peccato che per i lavori di pubblica utilità il Governo ha ribadito che non ci metterà un soldo. a quel punto abbiamo chiesto una copertura legislativa per sbloccare i fondi di società per Cornigliano, ma alla fine i liguri come sempre devono aiutarsi da soli”.

“E’ andata bene – dice l’assessore comunale allo Sviluppo economico Emanuele Piazza – e come Comune non avevamo dubbi che ci sarebbe stata la conferma dell’accordo, ma il passaggio con tutte le altre istituzioni e i sindacati è stato importante”.

Il prossimo passaggio, subito dopo l’apertura delle buste (il 10 febbraio), sarà “l’apertura di un tavolo nazionale con i sindacati per trattare globalmente la situazione di tutto il gruppo, parallelamente – spiega Piazza – ci sarà un tavolo tecnico su Genova con le istituzioni locali per l’utilizzo dei lavori di pubblica utilità per garantire il reddito”. Per il sindaco di Genova Marco Doria “la ricerca della soluzione per Ilva resta molto impegnativa ma mi auguro che la chiarezza odierna contribuisca a unire gli sforzi nella direzione giusta”.

“L’accordo non ha scadenza ed è pienamente valido e il Governo ci ha garantito che lo sosterremo insieme dopo l’apertura delle manifestazioni di interesse. Ciò significa che chiunque vorrà comprare l’Ilva dovrà per Genova partire da quel vincolo occupazione e di reddito”. E’ soddisfatto il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro al termine dell’incontro al Mise. “Un risultato ottenuto grazie ai lavoratori e alla loro mobilitazione” dice il segretario della Fiom. Soddisfazione anche per l’impegno del Governo sui lavori di pubblica utilità: “Di fatto la decisione di sbloccare giuridicamente i fondi della società per Cornigliano per il 2016 e il 2016 è un’altra conferma indiretta del fatto che per due anni l’accordo è valido e viene tutelato il reddito e l’occupazione”.

Soddisfazione anche per il segretario genovese del Pd e il commissario ligure David Ermini: “Come abbiamo ripetuto in queste settimane e del resto da parte nostra non nutrivamo alcun dubbio – dicono in una nota – il Governo, attraverso il vice Ministro Teresa Bellanova, ha assicurato ai lavoratori che l’accordo di programma è sempre valido e che le garanzie previste dall’accordo devono essere messe in relazione con il processo di vendita del gruppo siderurgico”.

Soddisfatte anche Fim e Uilm anche se il segretario nazionale della Uilm Apa non perde occasione per attaccare la Fiom: “Non servono fughe in avanti. In una situazione di questa natura servono ragionevolezza e unione tra i lavoratori, poiché la partita che abbiamo davanti è molto complicata”.

Genova24.it 04-02-16