Interrogazione su nuovo regolamento consumo alcolici

Genova, 11/6/2014
Prot. RS/2014/158
Al Signor Sindaco
Comune di Genova
SEDE

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA

VISTO che il Comune ha annunciato che sarà emanato un “nuovo” regolamento che dovrebbe contenere il fenomeno delle “sbronze” non solo per la movida ma su tutto il territorio genovese;
CONSIDERATO
– Che non è da oggi che il preoccupante problema del degrado specie nel Centro Storico e con concentrazione alla Commenda di Prè affligge chi vi risiede ed anche chi vi transita;
– Che ora una “news” è caratterizzata dalla presenza, nei giorni in cui sono in porto le navi da crociera, dei marittimi “di bassa forza” che scendono a terra e trovando, proprio a Prè, alcoolici a basso costo, si ubriacano;
CONSTATATO
– Che le giornate in cui i marittimi scendono ad ubriacarsi sono ovviamente le stesse in cui i turisti delle navi da crociera percorrono il Centro Storico, cominciando dalla stessa Commenda: non risulterà turisticamente appettibile di certo assistere ad un assiepamento di gente ubriaca attorno all’edificio medievale di rinomata storia;
APPRESO che da parte dell’Amministrazione Comunale pare, secondo quanto riferito dalla stampa, esservi stata una presa di contatto con le compagnie di navigazione interessate con la quale è stato chiesto alle stesse di intervenire nei confronti del proprio equipaggio: richiesta che appare alquanto anomala;
INTERROGA LA S.V.

Per conoscere
– Se corrisponde al vero quanto riferito dalla stampa dell’invito all’Amministrazione Comunale alle compagnie di navigazione;
– In caso di risposta positiva al punto precedente, se non sia necessario invece una presa di posizione della Giunta per ripristinare legalità e sicurezza ad una delle zone storicamente più importanti di Genova;
– se, visto che il nuovo regolamento sul consumo di alcool dovrebbe giungere sul finire dell’estate, è ipotizzabile nel frangente il ripristino della postazione fissa di agenti di P.M. o Forze dell’Ordine al fine di disincentivare le presenze non solo dei marittimi ma anche di tutti coloro che frequentano la zona propriamente per la legge del “ free alcool” e che rendono alla stessa mancanza di decoro, sicurezza e norme igieniche;
– quanti controlli nei locali (bar, empori etnici e cucine etniche o kebabbari) della zona sono stati effettuati da gennaio ad oggi, soprattutto per quanto concerne condizioni igieniche e vendita di alcoolici e conseguentemente quanti e quali sono stati sanzionati ed in che misura e con quale periodicità vengono svolti i controlli.

IL CAPOGRUPPO
Edoardo Rixi