Interrogazione su Ticket Amt

Genova, 15 luglio ’13

  Prot.RS/2013/230
 Al Signor Sindaco
Comune di Genova
SEDE

 

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA

 

PREMESSO che quanto verificatosi tra lunedì e martedì u.s. alla biglietteria di AMT in via D’Annunzio sembra appartenere più a zone del “terzo mondo” che ad una città “dei diritti” e, a suo tempo, anche “capitale della cultura”;

INTERROGA LA S.V.

Per conoscere

-in considerazione di quanto dichiarato dalla stessa AMT, che “non esistono vincoli temporali per cambiare il ticket. Se non si hanno particolari urgenze è possibile aspettare giornate più tranquille”, non sia il caso di informare debitamente gli utenti e, soprattutto per tempo, di quanto espresso : non dovrebbero mancare certamente i mezzi per farlo;

-se prevedendo comunque un consistente afflusso di utenze non fosse possibile potenziare l’ufficio centrale : al di là di dipendenti in contratto di solidarietà, è evidente la mancanza di organizzazione amministrativa per far fronte alle “emergenze”;

-visto che era stato dichiarato che entro il 15 luglio si sarebbe inserita su alcune linee la figura del bigliettaio/autista, ma a quanto pare l’azienda stessa ha affermato la posticipazione di tale “nuova” figura, si chiede se effettivamente è intenzione di AMT di dare corso a tale “ruolo” e, soprattutto, su quali linee verrebbe inserito.

Il Capogruppo

  Edoardo Rixi