Mozione su apparecchi per radioterapia fuori uso all’Ospedale San Martino

Genova, 16/7/14

Prot. PG/2014/211279
Al Signor Sindaco
Comune di Genova
SEDE

MOZIONE

VISTA la grave situazione di disagio che decine di malati oncologici stanno da mesi subendo, impossibilitati ad effettuare regolari sedute di radioterapia a causa di continui guasti alle apparecchiature all’ospedale S. Martino;
CONSIDERATO che è inaccettabile che una situazione del genere gravi su persone le cui condizioni di salute sono gravi e la corsa contro il tempo diventa una battaglia quotidiana;
EVIDENZIATO
Che il problema principale è l’usura da parte di una delle due macchine di radioterapia, utilizzata da oltre 20 anni;
Che il secondo problema è stato determinato dal ricorso al TAR da parte della ditta che ha perso la gara d’appalto: otto mesi di blocco che è inumano, al di là delle beghe burocratiche, far gravare sui malati;
APPRESO che il TAR ha in questi giorni sbloccato l’acquisto per una nuova macchina per la radioterapia al San Martino ma i tempi si prospettano molto (troppo!) lunghi visto che i lavori di installazione partiranno solo a settembre e pare abbiano una durata di cinque mesi: ancora quasi un anno di attese, ritardi e disagi per pazienti oncologici è inaccettabile;
RIBADITO che sulla pelle di chi soffre non si può né giocare né soprassedere;
IMPEGNA IL SINDACO
A sollecitare al Presidente Burlando ed all’Assessore Montaldo soluzioni ad hoc definibili “tampone” presso altre strutture ospedaliere attrezzate per far sì che i malati oncologici in cura al San Martino possano avere cure e copertura necessarie – come le sedute radioterapiche, appunto – fino alla ripresa regolare al medesimo Nosocomio. Ciò per evitare ancora il protrarsi dei disagi ma soprattutto l’interruzione della terapia che per i più è assolutamente vitale.

IL CAPOGRUPPO
Edoardo Rixi