Mozione sui donatori sangue Ospedale Villa Scassi

Genova, 25 febbraio ’13

Prot. PG/2013/68128
Al Signor Sindaco
Comune di Genova
SEDE

MOZIONE

PREMESSO che a Genova ponente, Villa Scassi rimane la struttura sanitaria di punta e che, per l’altissimo numero di pazienti, necessita di un servizio generale e di pronto soccorso efficiente h. 24;

EVIDENZIATO

– che è altresì fondamentale per tale struttura poter aumentare considerevolmente il numero dei donatori di sangue presso il proprio centro trasfusionale;

– che proprio in funzione di questo è evidente che gli stessi donatori devono essere messi in una condizione idonea, a cominciare dal consentire loro di poter parcheggiare le proprie autovetture in vicinanza del centro trasfusionale : cosa che ad oggi risulta assolutamente difficile per gli insufficienti spazi auto presenti;

APPURATO che anche il Municipio II Genova Centro Ovest ha all’unanimità approvato una mozione nella seduta del 23/1/2013 con la quale si chiede un impegno del Presidente e del Gruppo di lavoro sui servizi socio-sanitari per un incremento dei parcheggi adiacenti il centro trasfusionale;

SOTTOLINEATO che se da un punto di vista medico la donazione del sangue rappresenta ormai per la medicina moderna una pratica indispensabile a proprio supporto, da un punto di vista antropologico “essere donatore significa recarsi per un paio d’ore ai centri trasfusionali, ad intervalli di alcuni mesi, e uscirne con la consapevolezza di aver compiuto una buona azione – forse persino di aver “salvato una vita” (F.Dei, M.Aria, G.L. Mancini “La donazione del sangue, per un’antropologia dell’altruismo”) ;

SI IMPEGNA IL SINDACO

A farsi promotore presso la Direzione Sanitaria del nosocomio in questione, ASL 3 e Regione Liguria per fare in modo che i donatori di sangue (piastrine e plasma) possano trovare spazi auto a loro riservati per il tempo della donazione nei pressi della struttura o, quantomeno, recuperare maggiori spazi da adibire a parcheggio : questo non solo contribuisce ad agevolare il donatore nella sua azione ma dimostrerebbe l’alta attenzione che le Istituzioni hanno il dovere di riservare verso la collettività, specie i più deboli ed i più bisognosi quali sono, appunto, i malati.

 IL CAPOGRUPPO LEGA NORD

Edoardo Rixi