Parlamentari Liguri, presentati due importanti O.d.G. alla Camera

I nostri parlamentari liguri hanno presentato oggi due importanti ordini del giorno sul provvedimento relativo ai costi della politica relativi alla soppressione delle province ed il problema dei cittadini colpiti dagli eventi alluvionali dell’anno scorso a Genova e La Spezia. Ne dà notizia con soddisfazione il Segretario Nazionale ligure Sonia Viale. ” I nostri parlamentari devono essere sempre attenti alle esigenze dei territori e farsi interpreti in ogni sede ed in ogni modo dei problemi dei cittadini liguri”.

O.d.G:

La Camera, premesso che: l’obiettivo del decreto-legge è quello del contenimento dei costi della politica; tale provvedimento introduce un rafforzamento del controllo sulla gestione finanziaria degli enti territoriali e meccanismi di risanamento per gli enti con gravi squilibri di bilancio mediante la modifica di numerose norme del Testo unico enti locali (TUEL); tale iniziativa del Governo viene accompagnata da un altro provvedimento che prevede la riduzione del numero delle province ed eliminazione dei rappresentanti direttamente eletti dai cittadini; tali provvedimenti vengono licenziati dal Governo senza una reale previsione dei vantaggi per i cittadini in quanto solo una volta chiusi i processi i risparmi potranno essere quantificati; nel frattempo, tuttavia, importanti presidi democratici sui territori saranno stati smantellati; esempio di quanto sopra è rappresentato dalla soppressione della Provincia di Imperia, provincia di confine la cui soppressione oltre a non arrecare considerevoli risparmi rimanendo inalterate la maggiori voci di spesa del bilancio provinciale, arrecherà anche un indebolimento dei presidi sul territorio, indispensabili per garantire sicurezza in una zona dove sono presenti traffici derivanti dall’essere zona di confine e dove sono presenti infiltrazioni della criminalità organizzata, impegna il Governo nell’attuazione dei provvedimenti di contenimento della spesa di valutare quelle iniziative che effettivamente producono significativi risparmi e non si traducono in maggiori costi per i cittadini e per le istituzioni chiamate a porre rimedio alle conseguenze delle soppressione dei presidi territoriali.

9/5520-A-R/52. Chiappori, Bonino

O.d.g.:

La Camera, premesso che: nell’ottobre e nel novembre 2011, violenti nubifragi si sono abbattuti nelle province di La Spezia, in particolare le Cinque Terre, Borghetto e Brugnato, e di Genova, conseguenti all’esondazione del Bisagno e del Fereggiano, provocando la morte di molte persone con interi paesi e quartieri sventrati da fango e detriti, abitazioni distrutte, esercizi commerciali devastati, strade sparite; a distanza di più di un anno si constata che non sono stati completati ed in alcuni casi neppure effettuati investimenti duraturi di prevenzione e messa in — 31 — sicurezza, né sono state ultimate le procedure di risarcimento dei danni; in particolare i piccoli comuni colpiti dagli eventi alluvionali ancora oggi si trovano in grosse difficoltà economico finanziarie; il decreto legge all’esame prevede all’articolo 11 misure a favore dei territori colpiti da gravi eventi quali gli eventi sismici del maggio 2012, impegna il Governo nell’ambito degli stanziamenti previsti, ad assumere iniziative anche a favore dei territori e delle popolazioni indicati in premessa per far fronte alle conseguenze delle emergenze ancora in atto.

9/5520-A-R/ .53. Di Vizia.

Lascia un commento