Interrogazione su Restyling Via Buranello

Genova, 18/3/13
Prot. RS/2013/90
Al Signor Sindaco
Comune di Genova
SEDE

 

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA

PREMESSO che il 17/2/2011 il Comune di Genova assegna a mezzo gara d’appalto “al massimo ribasso”, per i lavori di Via Buranello, alla Società operativa consortile Cores, della provincia di Napoli ;

EVIDENZIATO

che tali lavori sono stati ampiamente intervallati da una serie di problematiche che li hanno resi infiniti : dall’inizio lavori a maggio 2011 alla prima interruzione dell’8 dicembre per “interferenze di natura tecnica”, con un fermo di ben 32 giorni. A seguire altre tre sospensioni dei lavori;

che il 29/3/2012 un perito di Mediterranea delle Acque ed il direttore lavori effettuano un sopralluogo per richiesta alla ditta appaltatrice di preventivo per la sostituzione di vecchie tubazioni idriche in ghisa grigia con nuove tubazioni in ghisa sferoidale di diametro maggiore : la cifra sarebbe ammontata a 213mila euro e questo non consentì di procedere a tale intervento;

APPURATO

che venne, invece, effettuato l’intervento di sostituzione delle tubature gas che presentò, da   subito, delle criticità, tanto che furono praticati dei fori su alcune pietre già posate, successivamente sostituite ;

che alcuni interventi sono stati comunque effettuati anche da Mediterranea delle Acque : uno per l’installazione, a posteriori dei lavori, di tre tombini assolutamente necessari ma dimenticati  dalla ditta appaltata ed altri per riparare guasti alla rete idrica occorsi diverse volte;

TENUTO CONTO che è una realtà la pessima condizione della rete idrica genovese e che richiederebbe un maxi progetto per sostituzione delle vecchie tubature con un costo attualmente insostenibile per la crisi economica che assottiglia pesantemente le casse comunali;

 

RICORDATO che la legge impone che un marciapiede nuovo non può essere interessato da lavori prima di quattro anni, salvo per interventi straordinari a seguito guasti;

SI INTERROGA  LA S.V.

Per conoscere

se è da mantenere vigente un sistema che porta a lavorare più volte su un medesimo tratto : una specie di “tela di Penelope” che, credo, produca dei costi aggiuntivi per il Comune che forse non è più possibile permettersi ;

quanto costerà, a completamento lavori, il restyling di Via Buranello, se si considera la necessità, nel prossimo futuro, di sostituire le vecchie tubature idriche e se l’Amministrazione è conscia del fatto che il perseverare su questo fronte (gare al massimo ribasso) porterà sempre a spendere più denaro pubblico di quanto viene inizialmente stanziato .

Il Capogruppo Lega Nord

Edoardo Rixi