Ventimiglia. salvataggio di un gruppo di migranti, Piana (Lega Nord) “Bivacchi, passeur e vittime. Situazione insostenibile”

Sanremonews martedì 22 novembre 2016

“Il nostro territorio di confine non può più sopportare la presenza di altri migranti. In questo caso, sono stati salvati solo grazie al coraggio e alla dedizione dei soccorritori” – chiosa Piana.

Ennesimo fallimento della scellerata politica sull’immigrazione del Governo Renzi, ormai allo sbando. Ne è la dimostrazione l’ultimo fatto di cronaca avvenuto poche ore fa a Ventimiglia, dove un piccolo gruppo di migranti che bivaccavano sotto il cavalcavia al confine con la Francia, è stato travolto dalla piena del Roja.

“Solo grazie al tempestivo intervento e alla professionalità dei Vigili del Fuoco e degli altri soccorritori – spiega il capogruppo del Carroccio Alessandro Piana – l’episodio non si è trasformato in tragedia. C’è purtroppo da segnalare un disperso, ma sono state salvate 4 persone. Non si capisce come, con un grosso centro di accoglienza distante poche centinaia di metri, esistano ancora piccoli accampamenti sotto i vari cavalcavia. Ossia in zone che, data la stagione, risultano ad alto rischio esondazione e quindi altamente pericolose sia per i migranti sia per i nostri soccorritori che sono costretti ad intervenire”.

“La motivazione principale va ricercata, chiaramente, nel fatto che queste persone vivono in situazioni borderline e di clandestinità, sfuggendo ai controlli per entrare più facilmente in contatto con i passeur, che quasi quotidianamente orbitano in quell’area per prelevarli ed accompagnarli al di là del confine in un ignobile business criminale. In tal senso, solo grazie alle operazioni delle forze dell’ordine, che non smetteremo mai di ringraziare, ne sono stati arrestati molti, ma con l’arrivo di altri migranti il fenomeno è in costante aumento” – sottolinea Piana.

“Da mesi, la Lega Nord Liguria denuncia come l’accoglienza indiscriminata e senza controlli in provincia di Imperia, favorisca anche tali fenomeni. Il nostro territorio di confine non può più sopportare la presenza di altri migranti perché, fra le altre cose, in questo modo si alimentano ulteriormente queste intollerabili situazioni (bivacchi, passeur e vittime). Se oggi, dopo l’operazione di soccorso, non piangiamo un alto numero di vittime, è solo grazie al coraggio e alla dedizione dei nostri soccorritori” – chiosa il capogruppo della Lega Nord.