Bruzzone interviene sui finanziamenti alla campagna referendaria

Non ci sarebbero i tempi tecnici per approvare il provvedimento per destinare le risorse

Genova – Sulla vicenda dei finanziamenti regionali alla campagna elettorale per il referendum sulle trivellazioni in mare è intervenuto alla fine anche il presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone.
Bruzzone- “Leggo da più parti tentativi di raccontare la vicenda – spiega Bruzzone – quindi sono chiamato a ricostruire i fatti così come si sono svolti. Già dal 24 marzo scorso era stata convocata per questa mattina, alle ore 9, la consueta riunione dell’Ufficio di presidenza integrato dai capigruppo per la ordinaria programmazione dei lavori del Consiglio regionale. In questa riunione è stata consegnata una proposta di legge, presentata ieri dai consiglieri Gianni Pastorino e Gabriele Pisani, che consentiva al Consiglio regionale, quale promotore dell’iniziativa, l’utilizzo di risorse regionali per pubblicizzare il referendum del 17 aprile. La proposta di legge non ha ottenuto la procedura di urgenza, che viene accordata solo con l’unanimità dei consiglieri, perché due gruppi, Pd e Fratelli d’Italia – ha spiegato il presidente – non hanno votato a favore. Ora il provvedimento seguirà, dunque, l’iter ordinario i cui tempi non consentiranno di poter sostenere questa campagna referendaria”. Quindi, a quanto are, nessuna risorsa regionale sarà spesa per la campagna referendaria.
Genovapost Venerdì 1 aprile 2016