Commercio ambulante, Rixi: “Un governo coraggioso non applicherebbe la Bolkenstein”

Liguria – “Un governo coraggioso non applicherebbe l’assurda direttiva Bolkestein e il problema non si porrebbe. Non aspettandoci un atto in tal senso da parte del governo Renzi, nonostante continui la nostra battaglia come parte politica di opposizione a Roma, riteniamo di buon senso salvare le circa 8 mila imprese del commercio ambulante in vista dei bandi che i Comuni apriranno e a cui potranno partecipare le imprese che saranno in regola con la Carta di esercizio”: lo ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo economico e al Commercio Edoardo Rixi intervenendo in aula durante la discussione del ddl 112 ‘disposizioni transitorie in materia di commercio su aree pubbliche e modifiche al testo unico del commercio’, approvato dal consiglio regionale.

Abusivismo – “Siamo dalla parte delle imprese che vogliono mettersi in regola – ha commentato l’assessore Rixi – ma saremo inflessibili sugli abusivi cronici del modello mercatino corso Quadrio di Genova. A breve convocheremo il tavolo di monitoraggio per un confronto sulle problematiche del settore con le associazioni del comparto, gli enti locali, allargato anche all’Inps, all’Inail e al sistema dei Confidi. Purtroppo se siamo arrivati alla necessità di inserire una proroga alla scadenza per la messa in regola è per problemi e lungaggini di certo non dovute alla Regione che ha lavorato in tempi record. Inoltre, ci siamo già da tempo attivati per reperire un software, gratuito, per caricare le pratiche”.
Genovapost.it Mercoledì 26 ottobre 2016