Dalla Regione 1.2 milioni di euro per il sostegno delle famiglie col “prestito d’onore”

Dalla Regione 1.2 milioni di euro per il sostegno delle famiglie col “prestito d’onore”

Per accedere al prestito è richiesto un Isee di un massimo di 20 mila euro per i singoli e di 25 mila per le famiglie
IVG.IT 27 maggio 2016

Regione. Un importo variabile da un minimo di 3 mila a un massimo di 10 mila euro che può essere restituito dal richiedente fino a un massimo di 60 rate mensili. È il ‘prestito d’onore’ i cui nuovi criteri sono stati approvati oggi dalla giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessore regionale alle politiche sociali e sociosanitarie Sonia Viale.

“Abbiamo dato seguito a un’iniziativa che sta dando buoni risultati – spiega la vicepresidente Viale – introducendo alcune novità: abbiamo allungato il periodo del prestito fino a un massimo di 5 anni e l’erogazione sarà decisa in base alla dichiarazione Isee è una misura che va incontro a quei cittadini e alle famiglie liguri che si trovano in situazioni di grave e temporanea difficoltà economica”.

Attualmente il fondo di garanzia, gestito da Filse, è di 1,2 milioni di euro. Possono richiedere il prestito le famiglie monogenitoriali con figli a carico, famiglie con un aumento del carico familiare, con un disabile o un invalido, famiglie in fase di insediamento in una nuova abitazione per l’affitto e acquisto mobili, donne vittime di violenza, particolari casi di giovani coppie e genitori separati.

Per accedere al prestito, oltre alla residenza in Liguria, è richiesto un Isee di un massimo di 20 mila euro per i singoli e di 25 mila per le famiglie, non avere altri crediti con istituti di credito. Sono escluse le attività economiche.