Giardini pubblici “Sandro Pertini” a Genova – Interrogazione del Consigliere Municipale IV Val Bisagno Domenico Caselli

La Lega Nord, interroga codesto Spett.le Municipio, nella persona del Presidente, per evidenziare l’elevata pericolosità che sono soggetti quotidianamente i piccoli utenti dei “Pertini. La invito a visionare personalmente detto luogo per poter confermare quanto a me segnalato dai genitori e perché valuti la pericolosità persistente nello spazio che ha l’unico obiettivo di essere un punto d’incontro e luogo di gioco di tutti i bambini della zona e non!

Nei giardini “Pertini”, hanno subito infortuni più o meno gravi alcuni “piccoli”, che se la S.V. vorrà, fornirò nominativi e recapiti infatti, appena si fa ingresso nel parco, si rileva la pavimentazione in alcuni punti divelta e irregolare, causa lo sviluppo delle radici degli alberi presenti al suo interno, una transenna che separa l’area verde dal campo sportivo “Canova”, che potrebbe causare grave pericolo , cestini di raccolta rifiuti danneggiati e non ancorati al terreno, buche, ma soprattutto la mancanza di recinzione che delimiti le sponde del corso d’acqua che percorre i “Pertini”, dove i bambini si recano al suo interno per recuperare i propri oggetti, principalmente “palloni”, affrontando un “dislivello” in altezza che per la loro giovane età e per l’incoscienza può anche divenire “fatale”!

Siccome Lei, Sig. Presidente, affermava pubblicamente e falsamente che il “mio” lavoro svolto nell’ambito municipale ha l’unico obiettivo di “colpire” le fasce deboli, come può notare, mi occupo si di queste, ma solo per la salvaguardia della propria incolumità! Secondo Lei, quale fascia può essere definita “più debole” se non quella dei bambini?

La popolazione attende da Lei delle risposte concrete!

E’ suo intento proteggere e garantire l’incolumità’ dei bambini con interventi mirati alla loro salvaguardia?

E’ suo volere garantire ai piccoli utenti la gioia del divertimento e del gioco in totale sicurezza?

Le rammento che la prevenzione e’ e sarà sempre la cura migliore per poter evitare epiloghi gravi e spesso irreversibili!

Nel caso questi ultimi dovessero verificarsi, sarà compito dello scrivente, appena depositato tale documento nella segreteria municipale, trasmettere l’inadempienza o l’omissione rilevata, all’A.G. competente per i provvedimenti previsti dalla legge vigente.

La popolazione e lo scrivente attendono da Lei delle risposte a quanto sopra esposto!

Con l’occasione porgo distinti saluti.

Genova 08 Ottobre 2012

Il Consigliere della Lega Nord Caselli Domenico

Lascia un commento