Inchiesta della Procura sull’alluvione dello scorso 4 novembre a Genova – Comunicato stampa del Consigliere Comunale Edoardo Rixi

Ritengo gravissimo quanto sta emergendo in questi giorni in relazione all’inchiesta della Procura sull’alluvione dello scorso 4 novembre e altrettanto grave la posizione dell’attuale Sindaco che non solo non ha dato corso, dal momento del suo insediamento, ad un’inchiesta sui fatti in virtù delle palesi incongruenze da subito emerse dalle testimonianze dei cittadini che hanno vissuto quei drammatici momenti e quanto era stato riferito dapprima alla stampa e, successivamente, in Consiglio Comunale nella seduta del 10 novembre dal Sindaco Vincenzi, ma sostiene a tutt’oggi una posizione attendista circa gli sviluppi dell’inchiesta e garantista verso i dirigenti indagati.La discontinuità a certe vecchie logiche politiche annunciata dal Sindaco Doria nella sua campagna elettorale cede il passo, oggi, all’evidente mancanza di forza ed intenti di questa Giunta di scardinare un sistema di coperture e complicità pur di fronte a prove evidenti di falsificazioni volontarie di verbali, di ricostruzione dei fatti totalmente inventata e avallata da dirigenti e Assessore.Io, in campagna elettorale, avevo posto tra le priorità, nel caso di elezione a Sindaco, l’avvio di una immediata commissione d’inchiesta per arrivare alla verità sulle mancanze ed il malfunzionamento degli interventi di quel giorno: io in qualità di Sindaco non avrei atteso passivamente, come Doria, l’intervento della Procura, lasciando senza risposte tutti i genovesi e le famiglie di quelle 6 vittime innocenti.Questo immutato modo di far politica, che al di là degli slogan propagandistici non cambia la sostanza delle cose rispetto alle precedenti Giunte, grava ancora una volta sui cittadini che perdono, così, fiducia nelle Istituzioni e nella politica e riporta alla luce fantasmi mai spariti di tragedie per mano dell’uomo rimaste irrisolte.

Il Capogruppo Lega Nord – Comune di Genova Edoardo RIXI

Genova, 23 ottobre 2012

Lascia un commento