Interpellanza urgente del Consigliere Comunale Edoardo Rixi sui recenti fatti accaduti nel centro storico di Genova

Visto

Che in data 2.8.u.s. in via San Lorenzo, lato Cattedrale e di fronte alla gelateria Gromm, alle ore 16.40 si trovavano alcuni soggetti: n. 4 ragazzi dell’Est europeo dei quali uno, in qualità di mimo, impersonava un frate in levitazione, n. 2 persone che su un tavolo esponevano oggetti vari di artigianato – probabilmente proprio –, n. 1 uomo che, seduto per terra ed appoggiato al muro, lavorava il legno ed infine un tipo seduto sui gradini della medesima cattedrale che leggeva un libro;

Che dopo pochi minuti sono sopraggiunti due agenti di Polizia Municipale motorizzati e, una volta scesi dai loro mezzi, si sono avvicinati direttamente all’uomo seduto sugli scalini della chiesa chiedendogli i documenti, sollevando rimostranze dallo stesso che lamentava il fatto che ai giovani dell’Est non veniva chiesto nulla nonostante fossero questuanti evidentemente travestiti da “artisti di strada”;

Tenuto Conto

Che è ovviamente riconducibile tale scelta dei vigili al Regolamento di Polizia Municipale legato al decoro urbano, ma lascia perplessi il fatto che a nessun altro dei soggetti presenti nel raggio di tre metri ed impegnati in opera di vendita e di accattonaggio che si potrebbe definire “artistico” è stata chiesta l’esibizione dei documenti;

INTERPELLA LA S.V.

Per conoscere

 

Se per il fatto sopra menzionato è possibile sapere se gli altri soggetti presenti erano in possesso di regolare permesso per svolgere la propria attività;

Se, visto quanto espresso nell’art. 13 del Regolamento per l’arte in strada, in vigore dal 17.3.04, sia gli “artisti” presenti nel giorno indicato che tutti i soggetti che sul territorio cittadino esercitano tali attività risultano iscritti all’albo professionale degli artisti di strada, pertanto, in possesso di regolare autocertificazione attestante lo svolgimento di attività di tipo artistico o il tesserino di appartenenza delle associazioni di categoria;

Se è stato già dato corso o si pensa di darne corso ad un censimento dei soggetti presenti sul territorio genovese al fine di evitare abusivismi anche in questo settore;

Se la politica di questa Giunta risulta votata all’applicazione solerte dei Regolamenti in essere, come mai, ad esempio, la gradinata della Chiesa della Nunziata è costantemente “occupata” da persone che vi stazionano;

Com’è possibile che in via Balbi, già dalle ore 7.30 è presente un ipotetico “artista di strada” che occupa marciapiede e muro dove vi è l’asilo nido “Oleandro”, non solo con le proprie creazioni ma anche con due cani, corredati dalle rispettive ciotole per il cibo e per l’acqua –

rendendo a tal fine il marciapiede ben lordato – ed una maxi raccoglitore per le offerte, il        

tutto lasciando così ai passanti un “sentiero” per il passaggio: poichè sono mesi che questa

situazione vige ci si chiede se questo rientra nelle “regolarità” dell’Assessorato preposto

oppure se nessuna verifica sia mai stata effettuata e, nel caso, per quale ragione.

Il Capogruppo Edoardo RIXI

Lascia un commento