Interrogazione su corretta interpretazione normativa realizzazione cancelli nei passi carrabili

Castelnuovo Magra, 30 agosto 2013

 

Al Sindaco

Comune di Castelnuovo Magra SP

 

Oggetto: interrogazione a risposta scritta.

Riferimento: corretta interpretazione della normativa sulla realizzazione di cancelli nei passi carrabili.

Premesso che
L’art.133 del Regolamento Comunale fissa una serie di prescrizioni relativamente all’apertura di passi carrabili, ma non contempla le modalità per l’alloggiamento dei cancelli carrabili.

Manca quindi una normativa comunale sull’argomento.

Come unica normativa di riferimento risulterebbe l’art. 22 del Codice della Strada, che al comma 7 stabilisce che:

“Qualora l’accesso dei veicoli alla proprieta’ laterale avvenga direttamente dalla strada, il passo carrabile oltre che nel rispetto delle condizioni previste nel comma 2, deve essere realizzato in modo da favorire la rapida immissione dei veicoli nella proprieta’ laterale. L’eventuale cancello a protezione della proprieta’ laterale dovra’ essere arretrato allo scopo di consentire la sosta, fuori della carreggiata, di un veicolo in attesa di ingresso. Nel caso in cui, per obiettive impossibilita’ costruttive o per gravi limitazioni della godibilita’ della proprieta’ privata, non sia possibile arretrare gli accessi, possono essere autorizzati sistemi di apertura automatica dei cancelli o delle serrande che delimitano gli accessi. E’ consentito derogare dall’arretramento degli accessi e dall’utilizzo dei sistemi alternativi nel caso in cui le immissioni laterali avvengano da strade senza uscita o comunque con traffico estremamente limitato, per cui le immissioni stesse non possono determinare condizioni di intralcio alla fluidita’ della circolazione”

Da quanto sopra, si evince che i cancelli normalmente dovrebbero essere arretrati rispetto al confine di proprietà, ma accanto a questa prescrizione troviamo alcune deroghe.

Una di queste stabilisce che in presenza di traffico estremamente limitato, come potrebbe essere l’immissione su strada pubblica di veicoli provenienti da terreni e abitazioni che si affacciano su strade pubbliche, in linea generale si può derogare sia dall’arretramento degli accessi, che dall’utilizzo di sistemi alternativi.

Vale a dire che in questo contesto i cancelli possono essere di privi di meccanismo di apertura automatica e possono essere alloggiati a filo strada.

Sembrerebbe di capire che questa deroga è ammessa in linea generale e quindi indipendentemente  da obiettive impossibilità costruttive o da gravi limitazioni della godibilità della proprietà privata.

Siccome l’alloggiamento di cancelli sui passa carrai può interessare parecchi persone, ritengo opportuno dissipare ogni dubbio interpretativo che possa nascere e fornire un’esatta e univoca interpretazione alla quale si dovranno poi attenere nei singoli casi concreti.

Tutto ciò premesso

INTERROGO IL SINDACO PER SAPERE:

  1. se le immissioni su strada provenienti da proprietà laterale, nel caso in esame abitazioni e terreni, rientrano nella tipologia delle immissioni laterali da strade senza uscita, ovvero se dette immissioni sono considerate con traffico estremamente limitato, per cui non posso­no determinare condizioni di intralcio alla fluidità della circolazione;
  2. se in virtù di quanto sopra, nelle immissioni su strada pubblica provenienti da proprietà laterale trova applicazione la normativa contenuta nell’ultimo comma dell’art.22 e cioè che “ E’ consentito derogare dall’arretramento degli accessi e dall’utilizzo dei sistemi alternati­vi”;.
    Di conseguenza se a tutte le proprietà private indistintamente che richiedono l’installazione di un cancello è dunque  consentito derogare sia dall’arretramento degli accessi che dall’utilizzo dei sistemi alternativi e perciò, in definitiva, se si può posizionare il cancello a filo della proprietà e senza congegni di apertura automatica;
  3. in caso di interpretazione diversa della normativa, si chiedono precisazioni in merito.

Distinti saluti.

Macchi Giancarlo

Consigliere Comunale