Lavavetri nel Municipio Centro Ovest di Genova – Mozione del Consigliere Municipale Davide Rossi

Premesso che da molti mesi si sta riproponendo, in città, e anche nel nostro territorio municipale il problema della massiccia presenza di soggetti, molto spesso di nazionalità straniera, ai semafori ed ai principali incroci, intenti a chiedere la questua, o, offrendo il “servizio” di lavavetri o vendendo piccola oggettistica;

Considerato

che tali attività risultano essere svolte in forma organizzata, per clan familiari e/o nazionali, in modo da poter raggiungere il territorio cittadino in maniera capillare;

che tra le zone più colpite da tale fenomeno c’è anche il Centro Ovest e più precisamente le Vie Cantore dalle due uscite autostradali (di fronte Novotel e all’ angolo di Via S. B. del Fossato), Pacinotti ang. Dondero vicino al ponte FS., Mantovani zona Fiumara dal semaforo che immette nell’ Aurelia, Piazza di Negro semaforo e talvolta Via G.B. Monti altezza semaforo, qui i questuanti e i “lavavetri” sono posizionati ad ogni ora del giorno;

Evidenziato

che ormai i cittadini risultano profondamente infastiditi da tali presenze, spesso per la fastidiosa petulanza con la quale operano;

che il fenomeno definibile come “nomadismo questuante” risulta essere anche molto pericoloso in quanto gli stessi stazionano sulle carreggiate anche allo scattare del verde, quando auto e moto accelerano          di colpo ;

che questa forma di questua viola l’art. 190 del Codice della Strada, relativamente alle norme di comportamento dei pedoni sulle strade pubbliche;

che l’attività di “lavavetri” è da considerare come una forma ambulante abusiva di offerta di servizi in quanto l’ improvvisato operatore si pone sulla pubblica via in tentata vendita di un servizio di pulizia dei veicoli a fronte di corresponsione di denaro, sovente con petulanza o addirittura molestia alle persone e agli utenti della strada in genere;

Impegna il Presidente

ad agire sul fenomeno su esposto, con una richiesta d’ intervento all’ Assessore Fiorini, urgente idoneo a tutelare gli interessi della collettività locale per la salvaguardia dell’incolumità dei cittadini contro condotte diffuse petulanti e spesso moleste attuate da soggetti riconducibili al “nomadismo questuante “;

di far adottare serie misure atte a prevenire il proliferare di situazioni di degrado sulle strade pubbliche cittadine di individui sediziosi o risultanti potenzialmente tali privi di sufficienti mezzi di sostentamento, nonché per arginare fenomeni latenti di criminalità ormai in netta crescita nel Centro Ovest e a Genova.

Il Capogruppo Davide Rossi                    

Lascia un commento