Rixi (Lega Nord): la Giunta di sinistra non nasconda le vere ragioni del recente terremoto politico e faccia chiarezza senza bisogno della magistratura.

Nel Consiglio Regionale di oggi Edoardo Rixi, Capogruppo della Lega Nord, dopo l’intervento del Presidente Burlando ha dichiarato:

“Ho ascoltato con interesse i discorsi dei miei colleghi e del Presidente Burlando. E cito la dimissionaria Vicepresidente Fusco che in conferenza stampa ha dichiarato “i fondi FAS erano competenza del Presidente non mia”.

Non comportiamoci come a Genova dove i rappresentanti del Comune scappano dai confronti pubblici riguardo all’alluvione. Dobbiamo sempre aspettare la magistratura per pulire gli armadi? Bene fanno quei politici che invece con umiltà espongono il loro caso e si difendono pubblicamente, altrimenti si da all’antipolitica nuove armi per ideologie distruttive e non costruttive.

Tanto per essere chiari come Lega Nord abbiamo dall’oggi al domani buttato fuori dal nostro Movimento chi ha fatto il furbo anche se poi non è arrivata nessuna limitazione alla libertà, evidente segno che la Giustizia va a due velocità, quella politica e quella processuale.

Tornando alla questione del porticciolo di Ospedaletti noi del Carroccio contro questa storia abbiamo fatto dal ’98 ad oggi un’interrogazione parlamentare firmata dall’On. Paolo Grimoldi, una regionale di Francesco Bruzzone ed una europarlamentare di Mario Borghezio. E tutta l’inchiesta partì dalle osservazioni di Marco Lupi, attuale Presidente leghista del Consiglio Comunale di San Remo. Ora si vedono i risultati delle nostre battaglie. Forse era il caso che ci si ascoltasse.

Infine” conclude Rixi “così come votai contro il pidiellino Saso in Commissione quando venne indagato, allo stesso modo invito il Consiglio a non attuare una difesa dei ruoli ma a cercare una vera trasparenza. Come Capogruppo di un Gruppo Regionale che non ha indagati auspico che la pulizia avvenga a palazzo ancor prima dell’arrivo della magistratura.”

Edoardo Rixi Capogruppo in Regione Lega Nord Liguria

                       

Lascia un commento