Un ambulatorio a De Ferrari per fronteggiare l’emergenza caldo

Nonostante il clima ancora “autunnale” la Regione Liguria si atto a per l’emergenza caldo con alcune misure innovative per aiutare gli anziani e i soggetti fragili

Genova. Il numero verde, l’attenzione alle dimissioni di soggetti fragili dagli ospedali, l’attivazione della rete di assistenza ma anche alcune novità interessanti, come il posizionamento dell’Ambulatorio Mobile della Asl 3 in Piazza De Ferrari, a disposizione anche dei turisti, e l’attivazione della rete delle farmacie, come luoghi di “ristoro temporaneo” per le persone a rischio. Anche se, dal punto di vista metereologico sembra difficile pensare all’allerta caldo la Regione Liguria si porta avanti con il lavoro attivando il “Piano ondate di calore estate 2016″, che sarà operativo dal 1 luglio.

“È ancora vivo il ricordo della torrida estate 2003 – ha spiegato la vicepresidente e assessore regionale alla Salute Sonia Viale – e per essere preparati alle conseguenze negative sulla salute soprattutto di soggetti fragili e anziani con la Asl 3 genovese abbiamo predisposto un’azione di rete con la collaborazione di tutti i soggetti del sistema sanitario sia pubblico sia privato”. Dal 21 giugno, quindi sarà attivo il nuovo numero verde 800.89.45.48 per informazioni di tipo sanitario ed eventuale attivazione della rete di emergenza ma, nel periodo estivo saranno intensificate anche le cure domiciliari per gli anziani e soggetti fragili e saranno attivati 30 posti letto di residenzialità per le dimissioni protette di anziani soli. Per evitare che soggetti a rischio e anziani escano negli orari pomeridiani, sono stati riorganizzati gli orari di consegna dei referti al mattino, implementata la modalità di ritiro dei referti online per analisi di laboratorio.

Una delle cose più interessanti, comunque, è l’attivazione dell’ambulatorio mobile che, dopo aver operato nell’entroterra genovese arriva in piano centro a disposizione di cittadini e turisti. “Questa iniziativa che avevamo avviato nei mesi scorsi per portare la possibilità di fare prelievi nelle aree più lontane del territorio – ha sottolineato il commissario straordinario della Asl 3, Luciano Grasso – può essere, però, utilizzato anche per altre cose. E allora perché non utilizzarlo per per l’ondata di calore, collocandolo in area centrale per dare notizie e informazioni”.

Tra le altre iniziative, in collaborazione con Federfarma e Farmacie comunali, e’stata attivata l’accoglienza in strutture accreditate – Anaste, Ascom Salute, Confinduastria, Crea e Uneba – per un ristoro temporaneo mentre, sul fronte della sensibilizzazione della cittadinanza sulle buone pratiche da seguire in caso di ondate di calore, e’ stata creata un’area dedicata sul sito www.asl3.liguri.it e lo ‘spazio salute’ nei sei distretti sociosanitari.

Genova24.it 15-06-16